Il Centro Studi e Iniziative per la Riforma dello Stato nasce nel 1972 su iniziativa del Partito Comunista Italiano.

Il suo primo Presidente è Umberto Terracini.

Il Centro Riforma dello Stato si caratterizza per un’elaborazione intellettuale in grado di stimolare il dibattito tra partiti, istituzioni e studiosi di diversa estrazione e cultura politica.

Alle attività del Centro partecipano Pietro Ingrao, Ugo Spagnoli, Luigi Berlinguer, Luciano Violante, Sabino Cassese, Umberto Cerroni.

Per tutti gli anni ottanta il CRS è presieduto da Pietro Ingrao, che rafforza l’attività del centro. Nel corso del decennio il Centro avvia nuove sezioni e gruppi di lavoro permanenti in collaborazione con istituti di ricerca e università. Nel 1984 il Centro integra la rivista Democrazia e Diritto (nata negli anni Sessanta come periodico dell’Associazione Giuristi Democratici). Nel 1986 il CRS diviene associazione, riuscendo efficacemente a dar voce alle energie che nelle istituzioni, nella magistratura, nelle amministrazioni si sprigionano nella riflessione sul tema dei diritti e della riforma democratica delle istituzioni. Vicepresidente è Stefano Rodotà, direttore Giuseppe Cotturri.

Nel 1993 diviene presidente del CRS Pietro Barcellona. L’analisi del centro si concentra ancora sulle trasformazioni della società italiana e del sistema politico-istituzionale. Nel 1996 la presidenza passa ad Antonio Cantaro. Tra il 2002 e il 2004 il CRS è presieduto da Ersilia Salvato.

Dall’aprile 2004 è presidente Mario Tronti. Alla direzione arrivano prima Stefano Anastasia e poi, a partire dal 2007, Walter Tocci. Nel 2005, quando Pietro Ingrao compie novant’anni, il CRS acquisisce l’Archivio di Ingrao e, a fianco dell’Associazione, dà vita alla Fondazione CRS-Archivio Ingrao. Nel 2015 Maria Luisa Boccia diventa presidente, mentre Nicola Genga assume il ruolo di direttore, poi sostituto da Giulio De Petra a partire dal 2019, a cui è a sua volta subentrato nel 2022 Simone Furzi .

Nel 2017 vengono infine costituite le sedi regionali del CRS Toscana e del CRS Campania.

Oggi il Centro per la Riforma dello Stato si articola, dunque, in due forme giuridiche diverse.

L’Associazione Centro per la Riforma dello Stato – ONLUS opera fondamentalmente per dare impulso alle iniziative e alle manifestazioni, con un passo temporale più vicino alla contemporaneità e un’attenzione più stringente alla politique politicienne.

La Fondazione CRS – Archivio Ingrao – Centro di Studi e Iniziative per la Riforma dello Stato ha un carattere più strategico e si occupa di cultura politica tramite una strutturazione in “gruppi di studi”. La Fondazione ha, inoltre, acquisito la rivista Democrazia e diritto e cura l’Archivio di Ingrao, compiendo ricerche di carattere storico.

La scelta di un unico logo serve proprio a identificare univocamente il CRS. Il marchio prende spunto da un famoso quadro del pittore e grafico russo El LissitzkyCol cuneo rosso sconfiggi i bianchi.

Resoconto attività 2019-2021.

Pubblicazione contributi ricevuti nel corso del 2018 ex L. 124/2017

  • Associazione Centro per la Riforma dello Stato – ONLUS (Cod. Fisc. 97037820582): 5xmille erogazione quote per anno 2015 di euro 4.392,80, incasso al 16/08/2018.
  • Fondazione CRS – Archivio Ingrao – Centro di Studi e Iniziative per la Riforma dello Stato (Cod. Fisc. 97425810583): da Gruppo Misto Senato XVII Legislatura contributo di euro 12.000,00 (prima tranch di 5.000,00 incassata il 25/07/2018; seconda tranche di 7.000,00 incassata il 07/09/2018) per iniziative politiche, nello specifico elaborazione analisi e studio “I sistemi elettorali proporzionali. Principi, criteri di definizione, problematicità” e “Criticità della proposta di legge cd ‘Rosatellum’ e linee emendative”;
    da IRPET – Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana corrispettivo contrattuale di euro 20.000,00 (prima trance di euro 6.000,00 incassata il 27/09/2018; seconda tranche di euro 14.000,00 incassata il 04/03/2019) per l’esecuzione del “Servizio di ricerca sui nuovi assetti istituzionali a livello regionale”, via affidamento diretto con richiesta di offerta, ai sensi dell’art. 36, comma 2, lett. a) del D.Lgs. 50/2016.

Pubblicazione contributi ricevuti nel corso del 2019 ex L. 124/2017

  • Associazione Centro per la Riforma dello Stato – ONLUS (Cod. Fisc. 97037820582): 5xmille erogazione quote per anno 2016 di euro 4.596,68, incasso al 07/08/2019.
  • Fondazione CRS – Archivio Ingrao – Centro di Studi e Iniziative per la Riforma dello Stato (Cod. Fisc. 97425810583): da Ministero per i beni e le attività culturali – Direzione generale biblioteche e istituti culturali contributo di euro 6.410,00 inerente all’attività culturale e di ricerca, ex art.8 L.534/96, incasso al 16/10/2019.

Pubblicazione contributi ricevuti nel corso del 2020 ex L. 124/2017

  • Associazione Centro per la Riforma dello Stato – ONLUS (Cod. Fisc. 97037820582): 5xmille erogazione quote per anno 2017 di euro 5.150,16, incasso al 30/07/2020; 5xmille erogazione quote per anno 2018 di euro 4.321,49, incasso al 06/10/2020.
  • Fondazione CRS – Archivio Ingrao – Centro di Studi e Iniziative per la Riforma dello Stato (Cod. Fisc. 97425810583): da Regione Lazio rimborso riferito ad "Avviso pubblico tirocini extracurriculari per giovani NEET (18-29 anni)" per l'anno 2018 pari a euro 1.800,00, erogato in tre tranche di cui l'ultima al 08/06/2020;
    da Segretariato Regionale (Lazio) del MIBACT prima parte del contributo a favore del proprietario, possessore o detentore del bene culturale, ai sensi degli artt. 31, 35 e 36 del Codice dei beni culturali e del paesaggio: DDG rep. 2468 del 18/12/2019 – annualità 2019, pari a euro 2.000,00, incasso al 30/11/2020; 
    da Direzione generale archivi del MIBACT– Servizio II Patrimonio Archivistico finanziamento in merito al "Bando pubblico per la concessione di contributi a progetti riguardanti interventi da effettuarsi su archivi dei movimenti politici e degli organismi di rappresentanza dei lavoratori o di loro esponenti (art. 1, comma 342 Legge 27 dicembre 2017, n. 205) pari a euro 22.750,00, incasso al 29/12/2020.

Pubblicazione contributi ricevuti nel corso del 2021 ex L. 124/2017

  • Associazione Centro per la Riforma dello Stato – ONLUS (Cod. Fisc. 97037820582): da LAZIOcrea S.p.A. di euro 5.500,00 inerente agli interventi a sostegno delle associazione culturali della Regione Lazio, ai sensi dell’art. 12 della Legge n. 241/1990 e del Regolamento in materia di erogazione di contributi LAZIOcrea S.p.A., in linea con quanto individuato dalla Regione Lazio con la D.G.R. n. 954 del 4 dicembre /2020; 5xmille erogazione quote per anno 2019 di euro 4192,33, incasso al 29/10/2021.
  • Fondazione CRS – Archivio Ingrao – Centro di Studi e Iniziative per la Riforma dello Stato (Cod. Fisc. 97425810583): da Ministero per i beni e le attività culturali – Direzione generale biblioteche e istituti culturali contributo di euro 3.560,50 inerente all’attività culturale e di ricerca, ex art.8 L.534/96, incasso al 12/04/2021; da Segretariato Regionale (Lazio) del MIBACT seconda parte del contributo a favore del proprietario, possessore o detentore del bene culturale, ai sensi degli artt. 31, 35 e 36 del Codice dei beni culturali e del paesaggio: DDG rep. 2468 del 18/12/2019 – annualità 2019, pari a euro 3.000,00, incasso al 12/11/2021.

 

Organi di direzione

  • Presidente: Maria Luisa Boccia
  • Vicepresidenti: Claudio De Fiores, Alessandro Montebugnoli
  • Direttore: Simone Furzi
  • Comitato direttivo: Gaetano Azzariti, Maria Luisa Boccia, Carmelo Caravella, Michela Cerimele, Lorenzo Coccoli, Claudio De Fiores, Giulio De Petra, Mario Dogliani, Ida Dominijanni, Simone Furzi, Chiara Giorgi, Francesco Marchianò, Alessandro Montebugnoli, Marco Montelisciani, Alberto Olivetti, Pasqualina Napoletano, Tamar Pitch, Michele Prospero, Laura Ronchetti, Walter Tocci e Lorenzo Teodonio
  • Comitato scientifico: Mario Dogliani (coordinatore), Adalgiso Amendola, Stefano Anastasia, Ilaria Boiano, Maria Luisa Boccia, Roberta Calvano, Carlo Cellamare, Gianni Cerchia, Marco Cilento, Giuseppe Cotturri, Michele Della Morte, Claudio De Fiores, Rita di Leo, Mattia Diletti, Luigi Ferrajoli, Nicola Genga, Mariella Guercio, Franco Ippolito, Pietro Masina, Alfio Mastropaolo, Alessandro Montebugnoli, Isidoro Mortellaro, Gianfranco Nappi, Susanna Oreffice, Teresa Numerico, Livio Pepino, Bianca Pomeranzi, Pasquale Serra, Luisa Simonutti, Mario Tronti, Vincenzo Vita, Grazia Zuffa.